Audemars Piguet Royal Oak Offshore Chronograph Tourbillon 25 Anniversary

Audemars Piguet Royal Oak Offshore Chronograph Tourbillon 25 Anniversary

25 Novembre 2017 | Audemars Piguet , SIHH 2018

Si faccia avanti chi non ha mai desiderato di aggiungere un Audemars Piguet Royal Oak al suo watch roll. Alcuni inseguono la referenza solo tempo mentre altri, più ricercati ed amanti di cronografo e taglia grande strizzano l'occhio al Royal Oak " vitaminizzato ", la versione Offshore che si è prestata negli anni a vestite i panni di attori, piloti di Formula 1 ( Montoya , Barrichello , Trulli ) e supercampioni come Michael Schumacher , portando al debutto complicazioni incredibili come il Lap Timer , proprio con il 7 volte campione del mondo. Incredibile a dirsi ma sono passati 25 anni di passione dal momento in cui un " semplice " cronografo è diventato un oggetto del desiderio con un prezzo da collezione, soprattutto nelle edizioni dedicate ai due ex piloti di F1, Juan Pablo e Rubens .

Audemars-Piguet-Royal-Oak-offshore-chronograph-Tourbillon-25-anniversary-6 Attenzione quindi che, bene ribadirlo, i 25 anni di cui parlo sono quelli dell' Offshore (non del classico Royal Oak , nato nel 1972 ) che, personalmente, ho sempre preferito al solo tempo per quella strana alchimia tra aspetto originale e personalità fortemente maschile data dall'attributo " Offshore ". Chiedetemi quale sia il mio preferito ed inizierò a citarvi una lunga lista che contiene nomi come Shaquille O'Neal , Alinghi , Volcano , Trulli , etc...potrei continuare ancora a lungo con nomi come Bartorelli ad esempio.

Audemars-Piguet-Royal-Oak-offshore-chronograph-Tourbillon-25-anniversary-5 Audemars Piguet ci onora di un nuovo Royal Oak Offshore Chronograph Tourbillon nel 2018 , anzi due nuovi orologi top di gamma che aggiungono una nota di carattere diversa al Royal Oak Offshore come lo abbiamo conosciuto finora. Realizzati in acciaio o oro rosa, condividono lo stesso concetto di base, un quadrante completamente scheletrato con una architettura che ricorda uno shuriken tagliato grazie ai ponti che sostengono la minuteria e sono collegati al ponte del tourbillon, al contatore dei 30 minuti crono ed al doppio bariletto di carica del calibro manuale 2947 che consente di arrivare fino a più di 7 giorni di riserva di carica .

Audemars-Piguet-Royal-Oak-offshore-chronograph-Tourbillon-25-anniversary Dal lato fondello è anche possibile godersi la splendida vista su calibro, con la piccola ruota a colonne ben visibile sulla sinistra mentre sul alto quadrante la lunetta ottagonale, immancabile, è stata anche essa scheletrata per dare piena vista sul movimento, la cui mano, se leggo le caratteristiche tecniche, mi fa pensare alla mente di Renaud e Papi anche se si tratta di una ipotesi non di una conferma. Audemars Piguet , nel rilasciare le prime immagini in still life del suo Audemars Piguet Royal Oak Offshore Chronograph Tourbillon ci ha lasciato un po' in attesa, non svelandoci tutti i segreti del suo nuovo Offshore top di gamma, che vedremo in meno di due mesi al PalaExpo . Quasi uno statement di cosa ci aspetta ed un'anteprima perché credo che questo sia solo l'apice di una nuova collezione e di un nuovo capitolo del collezionismo sportivo.

Audemars-Piguet-Royal-Oak-offshore-chronograph-Tourbillon-25-anniversary-3 Per completare quest'anteprima, viene confermato il design della cassa con i due grandi pulsanti crono, ora in ceramica, coperti da corpose protezioni, in acciaio od oro rosa 18 carati rispettivamente e con la corona in ceramica completamente protetta e sempre delicatamente dimensionata rispetto ai cronografi della concorrenza, in cui è sempre piuttosto generosa (un esempio su tutti: Richard Mille ). Un nuovo capitolo per l' Audemars Piguet Royal Oak Offshore Chronograph Tourbillon , tecnico ed estetico. Cosa ne pensate? Vi piace? Fatemelo sapere con i vostri commenti. A presto, da SIHH 2018 e dal vivo. Gaetano.

(Photo credit: courtesy of Audemars Piguet)

Gaetano C @Horbiter®

@Gaetano Cimmino

« »

Scroll to top