Omega Seamaster Planet Ocean Master Chronometer 2016 - 30 minuti al polso!

Omega Seamaster Planet Ocean Master Chronometer 2016 - 30 minuti al polso!

11 Maggio 2016 | OMEGA , 30 minuti al polso , Orologi subacquei , Basilea 2016

Omega si è presentata a Basilea con molte novità e con un motivo di sottofondo tecnico innovativo: l’upgrade ai calibri Master Co-Axial Chronometer su diverse collezioni. E' toccato allo Speedmaster Master Chronometer Moonphase (godetevi la nostra hands on ), al Constellation Small Seconds ed anche al Seamaster Planet Ocean 600m . L’assioma che fa da leitmotiv a questa collezione è: aggiornare una linea di prodotto di successo è più complicato e rischioso che crearne una nuova? Forse si, ma non per il nuovo Omega Seamaster Planet Ocean Master Chronometer : i calibri originali diventano Master Co-Axial , e potrete d'ora in poi registrare il vostro orologio e vedere tutti i risultati del test di certificazione (il Master Co-Axial apre una nuova era nella relazione tra marchio e clienti).

Omega Seamaster Planet Ocean Master Chronometer GMT 2016 Horbiter 3 La collezione è ampia e fondamentalmente il nuovo Omega Seamaster Planet Ocean Master Chronometer viene proposto in quattro versioni: solo tempo, GMT , cronografo e la versione chocolate, la più intraprendente. I calibri, superfluo dire di manifattura, sono tutti Master Chronometer certificati METAS , il nuovo standard svizzero di certificazione, tra cui spicca il fatto di essere antimagnetici oltre i 15'000 Gauss (15000 Gauss è il massimo valore oggi misurabile e gli Omega Seamaster Planet Ocean Master Chronometer non risentono, in termini di precisione di marcia, di alcun effetto se sottoposti ad un campo magnetico di questa entità).

Omega Seamaster Planet Ocean Master Chronometer Titanium 2016 Horbiter 2 L'innovazione non è puramente meccanica, è generalmente di prodotto e di quello che i Product Marketing Manager chiamano “ Touch and Feel ”: la nuova lunetta con inserti in caucciù (novità assoluta nel mondo dell'orologeria) spezza la “ fredda ” lucidità della ceramica, creando una nuova dimensione tattile, che ti dà una sensazione di ruvidità alternata ad una base perfettamente liscia . La versione GMT è dotata della lunetta bicolore bianca e nera ed è la prima volta che Omega realizza una lunetta bicolore creando, con la tecnologia Liquidmetal , l'equivalente di quanto Rolex ha fatto con il “ Pepsi ” ed il brevetto Cerachrom , una sfida tra giganti nel realizzare la migliore esperienza di lunetta in ceramica per i propri clienti.

Omega Seamaster Planet Ocean Master Chronometer Chronograph 2016 Horbiter L' Omega Seamaster Planet Ocean Master Chronometer è la sintesi di un lavoro di affinamento di contenuti a volte impercettibili, che sul lungo periodo fanno però la differenza tra continuare ad essere appagati dal proprio orologio oppure farne “trade-in” quando se ne si è stanchi: quei dettagli aumentano l'esperienza e la soddisfazione di chi ha acquistato un orologio. Il quadrante è in ceramica come la lunetta consentendo, ad esempio sulla versione in acciaio, una perfetta uniformità di stile, il carattere dei numeri arabi presenti sul quadrante è divenuto più “spigoloso” creando una soluzione di discontinuità con il font sulla lunetta e, per i più attenti, una sottile circonferenza unisce le linee dei minuti presenti sul quadrante, creando quasi una ideale soluzione di continuità con la corona.

Omega Seamaster Planet Ocean Master Chronometer GMT 2016 Horbiter 2 A proposito di dettagli, il fondello in zaffiro antiriflesso diventa punto chiave del design grazie a una evidente zigrinatura che rende il fondo cassa un originale segno di riconoscimento dell’orologio…sembra che qualche suggerimento che abbiamo dato in questo senso sia stato ascoltato! Tutti gli orologi sono impermeabili fino a 600m , corona e fondello a vite sigillano i nuovi calibri 8900, 8906, 8801 e 9900/9901 rispettivamente per la versione solo tempo, GMT , chocolate e crono.

Omega Seamaster Planet Ocean Master Chronometer Chronograph Titanium 2016 Horbiter 3 Il vetro del quadrante, in zaffiro ovviamente, ha un eccezionale trattamento antiriflesso su entrambi i lati, sembra quasi scomparire al tatto. Se lo confronto ad esempio con il primo della serie, il Planet Ocean Casino Royale , di cui abbiamo scritto qui , posso dire che anche su un componente di cui quasi non si parla più (a meno che non venga sostituito da un vetro esalite), e di cui spesso scriviamo quasi per dovere di cronaca, lo sviluppo non si è fermato ed Omega ne ha alzato ulteriormente la qualità, aumentando la percezione di avere tra le mani un diver di lusso.

Omega Seamaster Planet Ocean Master Chronometer GMT 2016 Horbiter 4 Immancabile ad ore 10 la corona a vite che copre la valvola di espulsione dell'elio al termine delle immersioni eseguite “in saturazione”. Sebbene abbiamo spesso discusso della necessità o meno di inserirla, Omega ha trasformato un contenuto tecnico in un elemento di stile distintivo, ma come sarebbe la cassa del tre sfere se avesse il lato sinistro della carrure completamente liscio e la cassa praticamente simmetrica? Le casse da 43.5mm (per la versione solo tempo e GMT ) e da 45.5mm (versione Chronograph ) sono disponibili in acciaio , titanio e acciaio - oro Sedna 18 carati e sono abbinate a cinturini in caucciù con chiusura deployante e cuciture che richiamano i colori di quadrante e lunetta o, in alternativa, con bracciali dello stesso materiale della cassa, perfettamente abbracciati dalle tipiche anse ad elica.

Omega Seamaster Planet Ocean Master Chronometer Titanium 2016 Horbiter Il grigio titanio esalta il contrasto con l’ arancio del caucciù e crea un'inusuale e affascinante gioco di colore, unico sul mercato dei diver di questa fascia. Gli indici sono rivestiti di superluminova blu, verdi sono invece la lancetta dei minuti ed il puntino luminoso ad ore 12 sulla corona così da poter monitorare a colpo d’occhio i minuti di ossigeno mancanti durante una immersione in profondità. La prova dello sdoganamento definitivo del diver come puro orologio tecnico è reinterpretato da Omega con la versione chocolate; l’habitat naturale sembra non essere la profondità marina ma, con cassa da 39.5mm di diametro e 14mm di spessore, oro Sedna da 18 carati e cinturino in pelle, si è aperta la strada del posizionamento nel luxury premium .

Omega Seamaster Planet Ocean Master Chronometer GMT 2016 Horbiter I 17mm di spessore della versione GMT e i quasi 19mm della versione Chronograph , sembrano essere l’unico punto debole di un orologio con molta personalità ed innovazione e regalano alla versione solo tempo lo scettro di orologio più interessante e riuscito della collezione. La versione Cronografo manca forse di quella giusta dose di semplicità e pulizia, e sembra destinato a quella ristretta cerchia di persone con un polso tanto generoso da riuscire ad indossare un orologio di 45.5mm .

Omega Seamaster Planet Ocean Master Chronometer Chronograph Titanium 2016 Horbiter 2 La nuova collazione Omega Seamaster Planet Ocean Master Chronometer rispecchia la volontà del gruppo Swatch di migrare Omega verso un posizionamento sempre più alto, cercando anche di tramandare la storia di questo marchio alle nuove collezioni “hi tech” sia in termini di movimento che di cura nei dettagli. L’oramai ex CEO, Stephen Urquhart , a Basilea ha annunciato che le novità 2016 non sarebbero finite, siamo dunque ansiosi di scoprirle tutte durante l'anno… sarà arrivato forse il momento di un Omega Seamaster Planet Ocean Master Chronometer completamente in ceramica ?

Omega_Seamaster_Planet_Ocean_Master_Chronometer_GMT_2016_Horbiter_2 Omega_Seamaster_Planet_Ocean_Master_Chronometer_GMT_2016_Horbiter_3 Omega_Seamaster_Planet_Ocean_Master_Chronometer_GMT_2016_Horbiter_4 Omega_Seamaster_Planet_Ocean_Master_Chronometer_GMT_2016_Horbiter_5 Omega_Seamaster_Planet_Ocean_Master_Chronometer_GMT_2016_Horbiter_evi Omega_Seamaster_Planet_Ocean_Master_Chronometer_Chronograph_Titanium_2016_Horbiter Omega_Seamaster_Planet_Ocean_Master_Chronometer_Titanium_2016_Horbiter Omega_Seamaster_Planet_Ocean_Master_Chronometer_Chronograph_Titanium_2016_Horbiter_3

(Photo credit: Horbiter's proprietary photo-shooting by Entropik)

Matteo Bulla @Horbiter

TWITTER @Matteo Bulla

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

« »

Scroll to top