Tudor Heritage Black Bay Dark - Cosa indosso oggi

Tudor Heritage Black Bay Dark - Cosa indosso oggi

27 Luglio 2016 | Tudor , Cosa indosso oggi , Basilea 2016

E' il Black Bay più anomalo, quello che mai ti saresti aspettato da un modello della collezione Heritage . E' la trasposizione vintage di un Fastrider Black Shield , con la differenza che la cassa non è un blocco in ceramica ma è costruita in acciaio come le altre per poi essere trattata in PVD nero. Tra tutti i Black Bay che Tudor ha presentato quest'anno, il Tudor Heritage Black Bay Dark è il modello anticonvezionale e di rottura con la tradizione, decisamente più di un Black Bay Bronze .

Tudor Heritage Black Bay Dark 3 Cassa da 41mm e bracciale sono rivestiti di un sottile film PVD nero . Il PVD dà all'acciaio una lucentezza moderata, opaca e tendente ad un grigio scuro , è evidente l'apposizione di un film, che contrasta con il nero pieno e granulare di lunetta e quadrante . Più che l'eredità moderna di un diver storico, il riferimento è la referenza 7924 " Big Crown " del 1958 , il Tudor Heritage Black Bay Dark sembra quasi un orologio militare, uno sportivo da specifiche aeronautiche più che subacquee (il diver " heavy duty " è il Pelagos , comunque).
Tudor Heritage Black Bay Dark 2 Il bracciale è integrato con la cassa (dimenticate per favore quello che vedete nella foto, si tratta di un prototipo), ma mancano purtroppo i rivetti presenti su tutti i nuovi Black Bay in acciaio per ragioni che possono essere tecniche ma anche di prodotto. Anche riuscendo ad apporre un layer PVD sui rivetti, questi ultimi sarebbero risultati invisibili ed avrebbero perso il loro fascino, o meglio non avrebbero aggiunto valore, legato alla forte lucidatura e personalizzazione che aggiungono alle maglie del bracciale.
Tudor Heritage Black Bay Dark 4 E' la spiegazione più naturale cui sono arrivato e la base, forse, della scelta di Tudor di non inserirli. Il Tudor Heritage Black Bay Dark è perciò un upgrade estetico del Black Bay , l' MT5602 con le sue 70 ore di carica è presente anche in questa versione. Uno sforzo progettuale, a pensarci bene, non indifferente rispetto alle origini del calibro di fornitura di un Black Bay ed un valore per il cliente, decisamente più alto delle sole 30 ore di riserva di carica aggiuntive garantite. Del resto il marchio Tudor meritava di avere un suo calibro di manifattura, il North Flag ha inaugurato il nuovo corso e sono certo che, mentre scrivo, a Ginevra stiano lavorando intensamente per colmare progressivamente il gap integrando sull' MT tutte le funzioni per coprire tutte le altre collezioni (non è un caso se stia aspettando il 2017 per regalarmi un Heritage Crono blu ).
Tudor Heritage Black Bay Dark 5 Intenso grazie al contrasto tra il nero di cassa, bracciale e quadrante, il rosso su lunetta (il triangolo ad ore 12) e quadrante e gli indici a bicchierino applicati di colore bianco , il Tudor Heritage Black Bay Dark è la mia terza scelta tra i nuovi Black Bay dopo il Bronze e la versione tutta acciaio (sebbene la versione con lunetta blu e bracciale con rivetti stia guadagnato sempre più consensi). Come tutti gli altri Black Bay il Dark è disponibile anche con cinturino in pelle vintage invecchiata , che continua a non piacermi come sulle altre versioni, ed una NATO strap con tessuto Jacquard cucito a mano che su questa versione è di un bel colore grigio e spezza perfettamente il nero. In termini di scelta di colori, abbinamenti e gusto, non c'è dubbio che i designer di Ginevra siano davvero un passo avanti a tutti.

(Photo credit: Horbiter's proprietary photo-shooting by Entropik)

Gaetano C @Horbiter

TWITTER @Gaetano Cimmino

« »

Scroll to top