Rolex Oyster Perpetual Cosmograph Daytona 2016 - Acciaio e Cerachrom per la prima volta

Rolex Oyster Perpetual Cosmograph Daytona 2016 - Acciaio e Cerachrom per la prima volta

Rolex Oyster Perpetual Cosmograph Daytona 2016 - Acciaio e Cerachrom per la prima volta

30 Marzo 2016 | ROLEX , 30 minuti al polso , Basilea 2016

Marzo è stato un mese di partenze e celebrazioni o semplicemente il risultato di una strategia: inizio del campionato di Formula 1 , Baselworld 2016 ed il nuovo Rolex Oyster Perpetual Cosmograph Daytona 2016 . Considerando che Rolex non presenta, usualmente, novità al di fuori del Watch and Jewelry Show,  se si escludono casi particolari o progetti come la spedizione DeepSea Challenge , mi sembra di intuire che la partnership stipulata nel 2013 con la società gestita da Bernie Ecclestone e l'inizio della campagna pubblicitaria con il Daytona protagonista, avessero quale obiettivo quello di preparare il terreno all'arrivo dell'ultima collezione che ancora mancava all'appello del rinnovamento della gamma Rolex , il Daytona in acciaio.

Rolex Oyster Perpetual Cosmograph Daytona 2016 steel 5 Con il termine “ rinnovamento ” non intendo dire che l'attuale Rolex Oyster Perpetual Cosmograph Daytona fosse “ outdated ” ma, più semplicemente, che il cronografo in acciaio più famoso al mondo aveva finora resistito ad alcune innovazioni che dal 2005 sono entrate nella collezione Submariner , e parzialmente, successivamente, su un Daytona . Il mio riferimento è alla ghiera in Cerachrom , il brevetto Rolex che ha introdotto la tecnologia della ceramica nella realizzazione della lunetta degli orologi sportivi, sia diver che cronografi.

Rolex Oyster Perpetual Cosmograph Daytona 2016 steel 11 È un cambiamento che segna una pietra miliare nella storia del Daytona perchè 53 anni dopo il modello che ha iniziato la sua lunga ascesa, la scala tachimetrica (inizialmente con fondo scala a 300 miglia) è ora fatta da polvere di platino incisa su un disco in ceramica come sulle versioni in Everose ed il Rolex Oyster Perpetual Cosmograph Daytona Platinum , l'ultimo nuovo Daytona ad essere stato presentato (2013).

Rolex Oyster Perpetual Cosmograph Daytona 2016 steel 9 Osservando la referenza con il quadrante bianco, lunetta in ceramica nera ed anelli neri intorno ai tre registri crono, la mente va idealmente ad un 6241 o, ancora più facilmente, al 6263 . Nel caso di Rolex , questa regola non vale, le sue collezioni sono il risultato di costanti evoluzioni, non è nella sua cultura rieditare fedelmente modelli del passato quanto piuttosto darne una interpretazione moderna, senza stravolgerli, nutrendo lo spirito originale con contenuti nuovi, aggiunti a piccole dosi, senza destabilizzare i collezionisti del marchio e cercando contemporaneamente di catturarne di nuovi.

Rolex Oyster Perpetual Cosmograph Daytona 2016 steel Piuttosto che trovare improbabili confronti like-for-like con il passato, comprensibili visto il valore che alcune referenze come quelle con quadrante “ Paul Newman ” hanno raggiunto nel tempo e conoscendo tante persone che comprano (purtroppo) un orologio solo per investimento, ma non lo indossano mai, credo sia più interessante soffermarsi su cosa sia cambiato sul nuovo Rolex Oyster Perpetual Cosmograph Daytona 2016 rispetto all'attuale versione in acciaio.

Rolex Oyster Perpetual Cosmograph Daytona 2016 steel 3 Il nuovo Rolex Oyster Perpetual Cosmograph Daytona 2016 rappresenta, per quanto mi riguarda, un cambiamento epocale, perchè non sono mai stato un suo grande fan finora, nonostante abbia due amici che vantano una interessante collezione di Rolex e mi parlino continuamente del Daytona . Sono innegabili la eccellente simmetria del quadrante e le perfette proporzioni tra quadrante, lunetta, anse e profilo della carrure, spesso copiate ma mai eguagliate, ma ho sempre pensato che su un cronografo la scala tachimetrica dovesse essere stilisticamente ed esteticamente separata dalla cassa ed inserita su una lunetta di colore nero. Queste considerazioni, che riguardano i miei gusti personali, valgono in generale, per ogni cronografo, non solo per un Rolex .

Rolex Oyster Perpetual Cosmograph Daytona 2016 steel 6 In una scala di priorità avrei inserito anni fa un Daytona con l'attuale design in fondo alla lista dei miei desideri rispetto ad un Deepsea o un GMT Master II , quest'anno il nuovo Rolex Oyster Perpetual Cosmograph Daytona 2016 è stato il primo dei nuovi Rolex che ho preso in considerazione quando sono entrato nella press room Rolex , eppure tra le novità spiccava il nuovo Air-King , che non mi ha lasciato certo indifferente. Sarebbe stato interessante poter confrontare il nuovo Rolex Oyster Perpetual Cosmograph Daytona 2016 con l'attuale modello in acciaio ed aiutarvi (aiutarmi) ad analizzare le differenze tra le due versioni.

Rolex Oyster Perpetual Cosmograph Daytona 2016 steel 10 Quel disco in Cerachrom toglie un'oncia di classicismo e ne aggiunge due di sportività, oltre a vantare una resistenza ai graffi superiore a qualsiasi acciaio, ne attenua l'aspetto eccessivamente classico e dona uno stile più marcatamente sportivo ed anche più maschile al Daytona . Inoltre, dal 1988, la lunetta non è piatta e sopraelevata ma è su un piano inclinato, una soluzione originale che ha aumentato la superficie dedicata alla scala tachimetrica, migliorandone la lettura e creando una soluzione di continuità tra vetro zaffiro (sporgente) e cassa.

Rolex Oyster Perpetual Cosmograph Daytona 2016 steel 8 Al contrario di altri cronografi, non c'è alcun gap tra cassa, lunetta, vetro e bracciale, sembra quasi che la lunetta sia inserita nella cassa e questo design aumenta la percezione di avere tra le mani quello che da sempre definisco il “piccolo lingotto ” con una percezione di lusso sportivo che anche nella versione in acciaio lo fa brillare in modo particolare (parte del merito è ascrivibile alle caratteristiche del 904L ).

Rolex Oyster Perpetual Cosmograph Daytona 2016 steel 7 Il nuovo Rolex Oyster Perpetual Cosmograph Daytona 2016 monta lo stesso calibro 4130 del modello che sostituisce. È stato il primo calibro crono completamente di manifattura, introdotto nel 2000 , che ha portato una serie interminabile di miglioramenti rispetto al 4030 tra cui la riduzione del 60% dei componenti per il meccanismo del cronografo, integrando i contatori di ore e minuti crono in un singolo modulo e progettando il lay-out generale con l'obiettivo di incrementarne l'affidabilità e semplificare le operazioni di assistenza e di regolazione, con una riserva di carica passata da 50 a 72 ore .

Rolex Oyster Perpetual Cosmograph Daytona 2016 steel 2 Il Rolex Oyster Perpetual Cosmograph Daytona 2016 , come tutti gli Oyster Perpetual , ha una precisione dichiarata da Rolex di +/-2 sec/giorno, la prima risposta alla certificazione Master Chronometer in attesa che, probabilmente, Rolex introduca tra qualche anno uno standard che costringerà gli altri nuovamente ad inseguirla. Il nuovo Rolex Oyster Perpetual Cosmograph Daytona 2016 costa 11550€ in entrambe le versioni.

Rolex_Oyster_Perpetual_Cosmograph_Daytona_2016_steel_10 Rolex_Oyster_Perpetual_Cosmograph_Daytona_2016_steel_9 Rolex_Oyster_Perpetual_Cosmograph_Daytona_2016_steel_8 Rolex_Oyster_Perpetual_Cosmograph_Daytona_2016_steel_7 Rolex_Oyster_Perpetual_Cosmograph_Daytona_2016_steel_6 Rolex_Oyster_Perpetual_Cosmograph_Daytona_2016_steel_5 Rolex_Oyster_Perpetual_Cosmograph_Daytona_2016_steel_4 Rolex_Oyster_Perpetual_Cosmograph_Daytona_2016_steel_3

(Photo credit: Horbiter's proprietary photo-shooting by Entropik)

Gaetano C @Horbiter

TWITTER @Gaetano Cimmino

  1. Omar scrive:

    Salve, e possibile sostituire la nuova lunetta ceramica su modello con lunetta acciaio, grazie

    • horbiter scrive:

      Ciao Omar, la logica della modularità suggerirebbe di si, ma osservando i due anelli, quello in Cerachrom sembra ad occhio nudo più largo delle versioni in acciaio. Nonostante ciò andrebbe verificato con un tecnico del marchio in aftersales ed avendo tra le mani entrambi i modelli Gaetano

  2. Franco scrive:

    Salve mi piacerebbe sapere il prezzo del nuovo daytona acciaio con ghiera nera e i tempi di attesa per l'acquisto grazie

    • horbiter scrive:

      Ciao Franco il prezzo di listino è di 11550€, ma si trova a non meno di 17k€. Il nuovo Daytona è diventato l'oggetto del desiderio di molti e la domanda ha superato l'offerta. Credo che le opzioni siano due: comprarlo da chi lo ha già in stock ed ha applicato questo mark-up (tendenzialmente on-line) oppure chiedere al rivenditore autorizzato Rolex della tua città e verificare i tempi di attesa. Un saluto, Gaetano

  3. domenico scrive:

    salve volevo sapere se le dimensioni sono rimaste invariate rispetto al modello precedente o se è leggermente più grande

    • Horbiter scrive:

      Ciao Domenico, la cassa è rimasta da 40mm. Gaetano

  4. Andrea scrive:

    La ringrazio moltissimo per la gentile ed esaustiva risposta, mi è stato di grande aiuto. Purtroppo sono ancora abbastanza un neofita del mondo dell'orologeria di alto livello (ho 22 anni), mi manca un pò di esperienza e conoscenza per comprendere a fondo certe dinamiche/tematiche ad esso legate. Cordiali Saluti Andrea

  5. Andrea scrive:

    Buongiorno Trovo questo nuovo Daytona estremamente accattivante e l'accostamento ghiera nera-quadrante bianco è bellissimo. L'articolo da Lei scritto è inoltre molto esaustivo. Volevo porle, però, un quesito molto più generale. Ormai da qualche anno vorrei comprarmi un orologio (cronografo) di ottima fattura in acciaio, in particolare trovo stupendi tutti i modelli disegnati da Gerald Genta. Guardando al mercato odierno, non èeccessivo che un Overseas di Vacheron e Constantin o un royal oak di AP costino oramai oltre i 20'000€ ? (non considero nemmeno il Nautilus di Patek Philippe, decisamente al di fuori della mia portata). Tutto sommato, si sta parlando di orologi non estremamente complicati e di materiali non prestigiosi o che richiedono tecnologie di lavorazione estreme. Il prezzo di questo nuovo Daytona (seppur elevato) è comunque più abbordabile. Potrebbe darmi delle delucidazioni in merito? La ringrazio per la disponibilità Cordiali Saluti Andrea

    • horbiter scrive:

      Ciao Andrea mi permetto di darti del tu. Concordo sul fatto che negli ultimi anni i listini degli orologi siano diventati "stellari" ed in alcuni casi anche ingiustificati ma il prezzo, in logica di marketing, è quanto un cliente è disposto a pagare per quel prodotto quindi prescinde da tutto il resto. Nel caso del lusso questa regola è ancora più vera. Bisogna in questo ambito fare le dovute differenze tra un prodotto realizzato in grande serie ed uno in quantità più piccole (VC e AP), e chiedersi cosa si cerchi in un orologio, soprattutto quando si vogliono spendere certe cifre. L'esclusività può essere un driver del prezzo finale di vendita, ma può esserlo per alcuni non per altri. In questi orologi molte finiture sono realizzate a mano e questo aspetto è anche una forte leva di marketing. Il Nautilus è difficile anche trovarlo al prezzo di listino perché spesso la domanda supera l'offerta (soprattutto su alcune referenze) e ne fa lievitare ulteriormente il prezzo. Le quantità prodotte in un anno sono ridotte e molte lavorazioni sono manuali. Detto questo e lasciando da parte l'estetica che è assolutamente soggettiva, parliamo di Rolex: Rolex è un grande produttore che ha portato al massimo livello il concetto di manifattura integrata industriale in termini di qualità sia percepita che reale (affidabilità, precisione, etc..) ed uno stile che tendenzialmente resta duraturo nel tempo, fatto di costanti mirati affinamenti. Materiali (acciaio 904L), movimento e finitura di cassa e bracciale sono eccellenti; le finiture estetiche (non la qualità) sono più curate ad esempio sul calibro di un Overseas che sul rotore del calibro 4130 non perché Rolex non sia in grado di farle ma semplicemente perché fa un prodotto diverso, di lusso, ma tendenzialmente più diffuso con un modello di business diverso. A me piace il nuovo Daytona, più del modello uscente e, credimi, dal vivo è davvero accattivante (bianco più bello del nero secondo me), la ghiera in Cerachrom gli ha fatto fare un salto enorme ed è anche un orologio che mantiene il valore nel tempo, basta vedere le quotazioni dei modelli usati. Da questo punto di vista, il prezzo è effettivamente più abbordabile, considerando che i prezzi di questi marchi sono tutti in salita (Rolex, Vacheron, Audemars Piguet ed altri). In sintesi: la scelta spetta a te ed al binomio "cosa mi piace-cosa posso comprare" ed al valore che dai ad alcuni aspetti di un prodotto rispetto ad altri. Spero di esserti stato d'aiuto. Ciao Gaetano

« »

Scroll to top