Richard Mille RM 11-03 Flyback Chronograph McLaren

Richard Mille RM 11-03 Flyback Chronograph McLaren

Il marchio, la collaborazione con McLaren e l'ultimo RM 11-03 nelle parole di un giovane ingegnere.

04 Luglio 2019 |

Comprendere a pieno un Richard Mille non è semplice. Ci vuole una competenza tecnica che sia non solo approfondita ma anche trasversale. Gli aspetti meccanici coinvolti non sono banali e riguardano sostanzialmente tre macro-tematiche: quelle dell’orologeria, quelle legate all’ingegneria di materiali non convenzionali e quelle riguardanti la funzionalità estetica delle soluzioni impiegate (estetica al servizio della meccanica).

richard-mille-rm-11-03-mclaren-1Durante il Salone dell'Automobile di Ginevra del 2018 è stato presentato il Richard Mille RM 11-03 Flyback Chronograph McLaren, ovvero l’ultima declinazione del celebre cronografo che ha fatto la fortuna del marchio, ed il secondo orologio frutto della partnership dopo il Richard Mille RM 50-03 McLaren F1 Tourbillon Split Seconds Chronograph Ultralight. Sembrerà strano che ad una esposizione legata al mondo automotive venga presentato un esemplare di alta orologeria, ma l'orologio è stato sviluppato in collaborazione con McLaren ed è legato alla nuova McLaren Senna, la creazione più estrema della casa di Woking.

Richard Mille e McLaren, una collaborazione “naturale”.

I fattori che hanno portato alla nascita di questa partnership sono diversi:

  • I Richard Mille sono oggetti molto più vicini al mondo delle corse che all’alta orologeria classica (sebbene questo settore sia in continuo mutamento e si stia progressivamente affrancando dalla tradizione), dove gli obiettivi principali dei diversi progetti riguardano l’estremizzazione di determinate performance. Di conseguenza, la struttura e le logiche di progetto presentano grandi affinità con il mondo delle auto da corsa.
  • I settori di ricerca dei due marchi sono incredibilmente simili. Ingegneria dei materiali, micro-lavorazioni, riduzione dei pesi, evoluzione delle forme per garantire certe funzioni sono tematiche che riguardano sia il mondo dell’orologeria che delle corse.
  • Richard ha una passione sfrenata per la Fomula 1. Fernando Alonso, Felipe Massa, Romain Grosjean, Charles Leclerc sono solo alcuni dei suoi brand ambassador. Non è interessato solamente a fare marketing, ma vuole creare prodotti che siano realmente utilizzabili dai piloti durante i weekend di gara.
  • La fascia di clienti per cui gli RM sono pensati è posizionata molto in alto ed il circus della Formula 1 rappresenta una perfetta occasione per avvicinarsi a facoltosi clienti appassionati di tecnica ed estetica, alla ricerca di esclusività.

Date queste condizioni al contorno, si può facilmente intuire che la collaborazione tra Richard Mille e McLaren sia stata molto più naturale e semplice di quanto si possa immaginare. Non tutti i risultati sono visibili al grande pubblico ma dal punto di vista orologiero si identificano, per ora, con RM 50-03 e RM 11-03.

Richard Mille RM 11-03 Flyback Chronograph McLaren.

Il Richard Mille RM 11-03 Flyback Chronograph McLaren è un cronografo con funzione Flyback, capace cioè di azzerare e far ripartire il cronografo con un solo tasto, dotato di calendario annuale integrato e quadrante scheletrato. Rispetto alle versione RM 11-02, l’RM 11-03 perde il tasto ad ore nove e il contenuto del contatore ad ore sei per regolare ed indicare il secondo fuso orario, cambiando così la configurazione cronografica.

richard-mille-rm-11-03-mclaren-5Ad ore tre si trova il classico contatore dei secondi continui, ad ore nove il contatore “rovesciato” dei minuti (da 60 a 0) e ad ore sei un contatore integrato per misurare minuti (lancetta rossa) ed ore (lancetta gialla). Al centro del quadrante in prossimità delle ore dodici si trova, poi, l’indicazione della data digitale e ad ore 4:30 l’indicazione del mese a scatto rapido, allo scoccare della mezzanotte. Come ci ha ormai abituato da tempo, la cassa del Richard Mille RM 11-03 Flyback Chronograph McLaren è prodotta con la tecnologia sviluppata dalla North Thin Ply Technology (NTPT), attraverso la sovrapposizione di fogli di materiale composito spessi 45µm e inclinati a 45° per ottenere elevate proprietà meccaniche (rigidezza e tenacità soprattutto). Ne abbiamo parlato approfonditamente quando abbiamo visitato la manifattura Richard Mille.

richard-mille-rm-11-03-mclaren-6Il corpo centrale è in Carbon TPT, lunetta e fondello sono invece in Orange Quartz TPT. La peculiarità di questo orologio sta nel fatto che gli strati di materiale non sono uniformi, ma carbonio e quarzo (silicio) si alternano nel Quartz TPT in modo tale da ottenere quelle striature arancioni, che tanto contribuiscono all’appeal dell’orologio, oltre che aumentare, ad esempio, la resistenza agli shock. I tasti laterali e la corona di carica, invece, sono ispirati ai fari e ai cerchioni, rispettivamente, della McLaren 720S e sono realizzati in titanio grado 5.

I dettagli e le soluzioni tecniche impiegate.

Come ogni Richard Mille che si rispetti, sono presenti una grande quantità di dettagli che difficilmente vengono notati al primo colpo d’occhio, ma che si lasciano svelare man mano che si studia l’orologio. All’interno della ghiera in Carbon è riportata la scala tachimetrica con fondo scala a 700 km/h. Chiamatela provocazione, o esagerazione se preferite, ma è la testimonianza dello spirito corsaiolo ed estremo che possiede questa creazione.

McLaren-720S-OrangeLe viti utilizzate per chiudere la cassa sono sviluppate ad hoc dalla manifattura, hanno una coppia di serraggio ben precisa, ed in manifattura sono stati sviluppati i cacciaviti per montarle ed effettuare così anche la manutenzione dell’orologio. Il rotore è scheletrato e ha l’inerzia regolabile grazie ad un rotore di carica a geometria variabile. Il bracciale è integrato nella cassa ed è sviluppato per essere confortevole ma estremamente leggero.

Novità o intelligente strategia di marketing?

Non è la prima volta che viene lanciato sul mercato il Richard Mille RM 11-03 Flyback Chronograph McLaren e non è nemmeno la prima volta che viene lanciata una sua versione associata a un marchio o a un ambassador, visto che possiamo trovare la versione dedicata a Jean Todt o alla Le Mans Classic, eppure questo orologio ha suscitato un inatteso clamore. L’occasione scelta per la presentazione e il coinvolgimento diretto del settore automotive hanno contribuito a diffondere l’immagine dell’orologio, generando un interesse incredibile e aumentandone la percezione di elevatissima caratura tecnica.

mc-laren-automotiveI colori appariscenti, il logo McLaren in bella vista e l’utilizzo di materiali come “carbonio” e “titanio” hanno, poi, completato l’opera vista la fortissima leva che hanno sui neofiti del mondo dell’orologeria. Insomma, il lancio del Richard Mille RM 11-03 Flyback Chronograph McLaren è stato anche una intelligente operazione di marketing, perchè le novità introdotte sono quasi tutte estetiche, non riguardano il calibro. Il prezzo retail di questo orologio è più elevato di qualunque altro RM 11-03 sinora prodotto, escluso il Jean Todt che è stato prodotto in edizione decisamente più limitata (150 vs 500 esemplari).

Conclusioni.

Il Richard Mille RM 11-03 Flyback Chronograph McLaren incarna alla perfezione la visione che Richard Mille ha dell’orologeria. È un orologio all’avanguardia, che si rivolge a una nicchia molto ristretta di possibili compratori ma che non dimentica di farsi notare e conoscere da un pubblico molto ampio.

richard-mille-rm-11-03-mclarenTrasmette un chiaro senso di tecnologia e futurismo, ma vorrei ricordarvi che non è l’unico marchio di Alta orologeria ad investire sull’innovazione. Anche un marchio come F.P.Journe, che all’apparenza può sembrare molto classico e tradizionale, nasconde delle soluzioni innovative, e per notarle basta guardare accuratamente gli orologi, non con gli occhi che la pubblicità spesso ci impone.

(Photo credit: courtesy of Richard Mille)

Andrea Frigerio @Horbiter®

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>


Horbiter

Iscriviti gratuitamente alla nostra Newsletter per ricevere direttamente nella tua casella di posta elettronica gli ultimi articoli pubblicati

ISCRIVITI
Horbiter

Iscriviti gratuitamente alla nostra Newsletter per ricevere direttamente nella tua casella di posta elettronica gli ultimi articoli pubblicati

Scroll to top